Sigaretta elettronica prezzi: quali sono le sigarette elettroniche in commercio

Negli ultimi anni il mercato delle sigarette elettroniche è in forte ascesa. Come per le sigarette normali anche le sigarette elettroniche presentano diverse tipologie. Le diverse caratteristiche che compongono le sigarette elettroniche permettono di ottenere prestazioni diverse nella resa aromatica, nella percezione del vapore e nella fumosità. 

Scegliere un modello con determinate caratteristiche piuttosto che un altro influisce anche sulla sigaretta elettronica prezzi. Ci sono alcuni modelli che consentono di svapare premendo un pulsante di erogazione e altri che non sono altrettanto intuitivi. Le sigarette elettroniche particolarmente adatte ai fumatori esperti consentono anche un’esperienza aromatica più intensa. Un dettaglio che senza dubbio ha reso particolarmente appetibili le sigarette elettroniche è il fatto di poter scegliere come personalizzare il design, prestando così attenzione non solo al gusto ma anche all’estetica. 

Sigaretta elettronica prezzi: che cosa prevede la legge italiana

Nel 2018, con un emendamento che era stato inserito dal Governo nella Legge di bilancio 2018, è stata introdotta in Italia la super tassa sulle sigarette elettroniche. Ciò ha suscitato chiaramente forti proteste sia da parte dei consumatori che da parte degli operatori del settore. Per questo motivo con il Decreto fiscale entrato in vigore a inizio 2019 si è deciso un considerevole taglio delle accise sulle sigarette elettroniche prezzo.  La supertassa sulle sigarette elettroniche prevedeva un inasprimento della tassazione che ha portato le imposte un aumento del 50% in più. In seguito alle richieste dei produttori di sigarette elettroniche e dei consumatori si è deciso un cambio di rotta, che è approdato alla riduzione delle aliquote sulle sigarette elettroniche.

A partire dal 1 gennaio 2019, tuttavia, è stata inserita anche una differenziazione tra liquidi che contenevano nicotina e quelli che invece erano nicotina free. Questa distinzione era alla base del calcolo delle relative accise. Si è progressivamente optato per inserire una netta linea di demarcazione tra le sigarette tradizionali e quelle elettroniche, scegliendo di ridurre le imposte sui liquidi sia che contenessero nicotina sia che ne fossero privi, donando una nuova spinta alle società produttrici del settore.

Sigaretta elettronica prezzi: approvato il dimezzamento della tassa sulle sigarette elettroniche 

Il Senato ha dato il suo via libera definitivo al dimezzamento della tassa sulle sigarette elettroniche. A partire dal 1 agosto 2021, fino al 31 dicembre, quindi, l’imposta di consumo sulle sigarette elettroniche ritornerà ai livelli del 2020. Si parlerà, dunque, di 0,42 centesimi e 0,84 centesimi per dieci ml di liquido di ricarica. Non ha nessuna importanza che sia o senza nicotina.

Con 213 voti a favore, 28 voti contrari e un solo senatore astenuto l’aula di Palazzo Madama ha approvato la fiducia che era stata dal Governo al Decreto sostegni bis, che interessava anche i prezzi della sigaretta elettronica. L’emendamento che riguarda la sigaretta elettronica prezzi è stato presentato dalla Lega faceva parte del Disegno di legge sulle misure urgenti connesse all’emergenza da COVID-19 per le imprese, il lavoro, i giovani, la salute e i servizi territoriali. Dopo aver ricevuto il nullaosta dalla Camera dei Deputati, il provvedimento è passato anche al vaglio del Senato.