Inutile negarlo: le lavastoviglie da incasso Roma sono un grande alleato in cucina, soprattutto per le famiglie numerose. Considerando che tra colazione, pranzo e cena si impiega almeno mezz’ora al giorno a lavare i piatti, grazie alla lavastoviglie si può guadagnare circa una settimana all’anno. Un tempo era un bene di lusso, ora è più abbordabile: la scelta di questo elettrodomestico è sempre più in linea con le esigenze di spazio, all’insegna del risparmio e del rispetto per l’ambiente. Tuttavia, esistono tantissimi aspetti da valutare nella scelta degli apparecchi perché ciascuno di essi possiede caratteristiche di pregio che lo rendono maggiormente performante.

La marca migliore non esiste più, adesso ogni produttore fabbrica e vende diversi modelli, un po’ per tutte le tasche ed esigenze, l’unica cosa di cui dobbiamo preoccuparci è di trovare il centro assistenza nella zona di residenza. Le lavastoviglie da incasso Roma hanno il pregio di occupare meno spazio in cucina e, non per questo avere in alcun modo prestazioni ridotte, pertanto se avete questa paura, potete stare tranquilli. Avete, inoltre, la possibilità di scegliere il grado di scomparsa, se totalmente incassata o meno. Una volta identificata la tipologia che risponde meglio alle nostre esigenze, meglio concentrarsi sulle prestazioni di lavaggio e su quelle di asciugatura.

Di solito hanno dimensioni standard (45 cm di larghezza quelle compatte, 60 cm quelle grandi), ma è bene controllare le misure prima dell’acquisto, soprattutto se i mobili della cucina sono fatti su misura. La lavastoviglie solitamente viene collocata, per praticità, vicino al lavello dove è possibile collegare i tubi di carico/scarico dell’acqua e per poterla caricare con tutta facilità, anche con le stoviglie umide. Infine, è sempre preferibile acquistare elettrodomestici, quindi anche lavastoviglie, di classe A e superiore (anche se i prezzi tendono ad essere più alti) per risparmiare sulla bolletta elettrica e per usufruire anche di agevolazioni fiscali.